News

Cladodi di fico d’india, proprietà nutrizionali e benefici per la salute

Cladodi di fico d’india, proprietà nutrizionali e benefici per la salute

I motivi principali per cui viene promosso il consumo di cladodi di fico d’india ( di seguito identificati con Nopal ) si basano sulle loro qualità nutrizionali e medicinali. L’opuntia ficus indica è considerata un alimento ad alto valore nutritivo, principalmente per il suo contenuto in minerali, proteine, fibre alimentari e sostanze fitochimiche.
I Cladodi di fico d’india ed i suoi estratti formano, ad esempio, parte della dieta comune di tutta l’area dell’america meridionale e centrale, come Perù, Messico e sono ampiamente consumati negli Stati Uniti meridionali dalla popolazione latina che vi risiede.

Cladodi di fico d’india detti Nopal, gli studi

Come accennato in precedenza, i cladodi di fico d’india ( di seguito identificati con Nopal ), quindi il Nopal è una ricca fonte di fibre, componenti resistenti agli enzimi digestivi. In base alla sua solubilità in acqua, la fibra è classificata come solubile e insolubile; il primo è costituito da mucillagini. Il suo contenuto di fibre alimentari è paragonabile a quello di vari tipi di frutta e verdura, inclusi spinaci, carciofi, bietole, melanzane, broccoli, ravanelli e altri. Tra i frutti, è simile al mango, al melone, all’albicocca e all’uva.
Queste fibre sono responsabili di molti dei benefici per la salute (Sáenz, 2006, Uebelhack et al., 2014). Le diverse frazioni di fibra hanno diversi effetti fisiologici: la fibra solubile è associata alla riduzione dei livelli di glucosio e colesterolo e alla stabilizzazione dello svuotamento gastrico, e la fibra insolubile con la capacità di ritenzione idrica (aumento del peso delle feci), scambio ionico, assorbimento di acidi biliari, minerali, vitamine e altri e loro interazione con la flora microbica (Sáenz, 2006).
Il nopal è anche una buona fonte di vitamine A, B1, B2, B3, C e minerali, importanti il calcio e il potassio (rispettivamente 93 e 166 mg / 100 g) e hanno un basso contenuto di sodio (2 mg / 100 g), un vantaggio per la salute umana.
Negli ultimi anni, a causa dell’alto contenuto di calcio del nopal, lo è stato considerato come una fonte alternativa di questo minerale, che può aiutare a ridurre e prevenire la perdita di densità minerale ossea secondo quanto studiato da Rodríguez-García et al. (2007).

Prodotti italiani dai cladodi di fico d’india, il nopal italiano

Sulla base di tanti studi realizzati dove il nopal è più culturale che in Italia, la San Antonio,ente per la produzione e commercializzazioni di piante officinali e farmaceutiche, ha realizzato dei prodotti in succo da spremitura dai cladodi italiani. Questi prodotti con determinati processi di produzione ed evidenti differenti indicazioni sono identificati con il brand NOPALINE e CLADODINE

Nopal ItaliaL’aumento dell’incidenza di malattie croniche come il diabete è un problema attuale. Trattamenti alternativi sono stati sviluppati e studiati per aiutare a ridurre i livelli di glucosio nel sangue e questi trattamenti includono l’uso di piante medicinali con effetto ipoglicemico. Il nopal viene utilizzato per il controllo del glucosio, poiché ha un alto contenuto di fibre solubili e pectine, che possono influenzare favorevolmente l’assorbimento del glucosio a livello intestinale, per il quale è considerato ipoglicemico.
Uno studio condotto su pazienti diabetici ha confermato che la pianta Opuntia, ovvero il nopal, è tradizionalmente utilizzata per il trattamento del diabete non insulino dipendente.
Negli ultimi anni, la fibra di cactus ha iniziato ad essere commercializzata per integrare i trattamenti per i disturbi digestivi. La polpa del cactus, nel favorire il processo digestivo, ridurre il rischio di problemi gastrointestinali e aiutare nei trattamenti contro l’obesità. Inoltre, la fibra abbassa il livello delle lipoproteine a bassa densità e abbassa il colesterolo nel sangue interferendo con l’assorbimento dei grassi da parte dell’intestino (Bensadón et al., 2010).
Il succo di nopal sono anche usati nella medicina naturopatica come impacchi per urti, contusioni, gonfiori, ustioni, analgesici, diuretici, decongestionanti e antispastici.

Maggiori informazioni sul sito www.succodinopal.it